WE TOO ARE PROTESTERS NO TO YOUR IMPERIALIST WAR FREE ASSANGE

WE TOO ARE PROTESTERS: NO TO YOUR IMPERIALIST WARS, FREE JULIAN ASSANGE!

We are a group of mothers, fathers, teachers, students from all over the world, extremely concerned about the health conditions, as well as the violation of the most basic human rights of the journalist and publisher Julian Assange.

The multi award-winning journalist, in fact, has been detained for over a year in solitary confinement in the maximum security prison of Belmarsh, pending extradition to the United States, where, as stated by UN experts, he will hardly be able to make use of a fair trial and risks up to 175 years in prison or even the capital punishment.

The reason for his long political persecution (of which the imprisonment in Belmarsh marks only the last stage), although for nine long years there has been an ignoble legal and media misdirection, finally became evident on 11 May 2019, when the Scotland Yard Police raided the Ecuadorian embassy in London, where Julian Assange had previously sought and obtained political asylum, dragging him off to lock him up in solitary confinement in Belmarsh, like a dangerous criminal.

It was in fact declared a few hours after his arrest that he was “taken into custody” for a request for extradition by the American government on charges of cybercrime and espionage. Omitting in this way the fact that the operations carried out by Assange in the public interest are the normal routine of every investigative journalist and, following this, that the material was in its time published by the major world newspapers. This also violates the rule that would prevent extradition from the UK to the US for political reasons.

But let us finally come to the reason why Julian Assange was imprisoned in a maximum security prison, as we have said, not in a State that is accustomed to similar abuses of the law, but in the United Kingdom: due to the publication of classified documents which attest corruption and war crimes!

In particular, the site he founded in 2006, Wikileaks, among the many news that have never been possible to prove wrong, has revealed the systematic torture of Guantanamo prisoners; he documented how the wars in Afghanistan, Iraq, etc., were created for reasons of economic interest and how the number of terrorist attacks in these territories, after the US and its allies intervention, has increased exponentially. Not only that: among the many things that Wikileaks has revealed there are all kinds of abuses perpetrated in numerous countries and hundreds of thousands of civilian victims in Afghanistan and Iraq at the hands of the American army.

Among these documents, in 2010, the publication of the chilling video “Collateral Murder“, in which American soldiers shot from a helicopter on civil and unarmed targets, killing a dozen people, including some men who tried to lend rescue an injured man, and two Reuters journalists. In this dramatic story, two children are also seriously injured (whose father lost his life along with others, in an attempt to help one of the two journalists). All while snipers were sneering amused as you would in a video game and calling the unknown victims, “bastards”.

For this reason, after the long and indecorous political-judicial persecution of Julian Assange in 10 years of systematic violation of his fundamental human rights, while ignoring the will and right of us citizens to become aware of crucial information of public interest, we now refuse to witness a further prolongation of the psychological and physical torture against the journalist, as reported by the United Nations special rapporteur against torture, Nils Melzer, also knowing that Assange is already in an extremely worrying health condition, as reported by hundreds of doctors.

We also refuse to encourage the authoritarian drift of the countries that are allowing this dramatic development, in particular the United Kingdom, having for years deprived a journalist of the right to liberty for practicing his profession, furthermore violating his right to a fair trial, the right to take care of his health and at the same time, marking a very dangerous precedent against freedom of the press and expression. It should also be noted that the numerous appeals from the United Nations, the Council of Europe, all the major human rights organizations, international journalists and doctors and countless petitions signed by representatives of civil society, who spoke out loud to the British authorities for his immediate release, so far they have not had the expected effects.

This is why we believe it is essential for the present and especially for the future of democracy in the United Kingdom, as well as in the rest of the world, that all citizens of all latitudes and especially the British, take a clear position in favour of human rights of political prisoner Julian Assange, to do everything possible to put pressure on British institutions and/or other countries directly involved in the case, in particular the USA and Australia.

There are many ways to demand that justice could finally be done in the Assange case, to protect the most basic human rights and with them the right of expression. One of these could be, for example, writing a letter or an email to the Home Office Secretary in the UK. Everyone who takes the time to write a letter will attest to the UK government that there are dozens more who think the same way, so even a couple of hundred letters will make a difference.

We tried to put some ideas together, supporting a mailbombing campaign for the UK’s Home Secretary, Priti Patel, in order for her to show her willingness to enforce British democracy and sovereignty, protecting the rights of Julian Assange beyond American interest. Feel free to add these points to your letter and/or email and express why you think Julian Assange’s health deserves to be properly cared for, along with his right to freedom. Here is the email address of the UK Minister of the Interior: public.enquiries@homeoffice.gov.uk (here also the postal address and other useful contacts).

Here are some crucial information that can help you write your email:

Nils Melzer, UN Special Rapporteur on torture and other cruel, inhuman or degrading treatment or punishment, had declared: “In 20 years of work with victims of war, violence and political persecution I have never seen a group of democratic States ganging up to deliberately isolate, demonise and abuse a single individual for such a long time and with so little regard for human dignity and the rule of law. The collective persecution of Julian Assange must end here and now!”

Over 100 doctors have written an open letter to the Home Secretary in UK, stating: “From a medical point of view, on the evidence currently available, we have serious concerns about Mr Assange’s fitness to stand trial [..]. Most importantly, it is our opinion that Mr Assange requires urgent expert medical assessment of both his physical and psychological state of health. Any medical treatment indicated should be administered in a properly equipped and expertly staffed university teaching hospital […]. We have real concerns, on the evidence currently available, that Mr Assange could die in prison. The medical situation is thereby urgent. There is no time to lose”.

Almost 1000 journalists have written an open statement in defence of Julian Assange, that says: “The legal action underway against Mr Assange sets an extremely dangerous precedent for journalists, media organizations and the freedom of the press. […] We, journalists and journalistic organizations around the globe, express our grave concern for Mr Assange’s wellbeing, for his continued detention and for the draconian espionage charges. […] As journalists and journalists’ organizations that believe in human rights, freedom of information and of the public’s right to know, we demand the immediate release of Julian Assange.”

Amnesty International and Human Rights Watch oppose Julian Assange’s detention and extradition highlighting serious human rights violations due to his work with Wikileaks: violation of his right to freedom of expression; violation of his right to liberty, arising from any pre-trial detention and/or prison sentence that was imposed on the basis of a prosecution that violated his freedom of expression; violation of his right to life, if the death penalty were to be available in any proceedings that he might face in the USA; being held in conditions that violate his rights to humane treatment and respect for his dignity and violation of his right not to be subjected to cruel, inhuman or degrading treatment or punishment.”

But the groups of activists and the associations that have mobilised are numerous all over the world, therefore we invite you to visit their social pages and/or their websites to join them in the next actions that can go from the the square demonstration, to the sit-in, email bomb and much more and evaluate which is the most congenial way for you to make your voice heard.

Furthermore, if you would like to join our “we too” page, we invite you to ask the immediate release of the publisher and journalist Julian Assange as a signal of the will to begin a path of peace and start diplomatic negotiations to end imperialist wars in the world once and for all. You can do so by sending us one or more photos with the words “WE TOO ARE PROTESTERS: NO TO YOUR IMPERIALIST WARS, FREE JULIAN ASSANGE!” and send it to: wetooareprotesters@gmail.com or to the Facebook group “Free Julian Assange“.

We also encourage you to mobilise yourself in all other useful forms, such as videos, organized conferences, letters and/or emails to local parliamentarians, talking about Assange in local schools, in an attempt to put pressure on institutions so that Julian Assange is released immediately. Here’s the internet page Defend Wikileaks with some useful links.

We count on the fact that you too, mothers and fathers, teachers and students, citizens of the world, are willing to act to defend your right to know the important facts of the world, advocating for human rights and the rule of law, both so seriously threatened in the Julian Assange case to seriously jeopardize the entire democratic system.

WE TOO ARE PROTESTERS: NO TO YOUR IMPERIALIST WARS, FREE JULIAN ASSANGE!

 

Versione italiana:

WE TOO ARE PROTESTERS: NO TO YOUR IMPERIALIST WARS, FREE JULIAN ASSANGE! (ANCHE NOI PROTESTIAMO: NO ALLE VOSTRE GUERRE IMPERIALISTE, LIBERATE JULIAN ASSANGE!)

Siamo un gruppo di madri, padri, insegnanti, studenti di tutto il mondo, estremamente preoccupati per le condizioni di salute, nonché per la violazione dei più elementari diritti umani, del giornalista ed editore Julian Assange.

Il pluripremiato giornalista è infatti detenuto in isolamento da oltre un anno nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh, a Londra, in attesa di estradizione negli Stati Uniti, dove, come affermato dagli esperti delle Nazioni Unite, sarà altamente improbabile che possa essere sottoposto ad un processo equo. Negli USA, oltre alla pena capitale, rischia fino a 175 anni di carcere.

Il motivo della sua lunga persecuzione politica (di cui l’incarcerazione a Belmarsh marca solo l’ultima tappa), sebbene per nove lunghi anni ci sia stato un ignobile depistaggio legale e mediatico, è infine diventato palese l’11 maggio del 2019, quando la Polizia di Scotland Yard ha fatto irruzione nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, dove Julian Assange aveva precedentemente chiesto ed ottenuto asilo politico, prelevandolo di peso per rinchiuderlo a Belmarsh in regime d’isolamento, alla stregua di un pericoloso criminale.

È stato infatti dichiarato poche ore dopo il suo arresto che veniva “preso in custodia” per una richiesta di estradizione da parte del governo americano con l’accusa di crimini informatici e spionaggio. Sorvolando in questo modo sul fatto che le operazioni compiute da Assange nel pubblico interesse sono la normale routine di ogni giornalista investigativo e, che a seguito di ciò, quel materiale sia stato a suo tempo pubblicato dalle maggiori testate giornalistiche mondiali. In questo modo si viola anche la regola che impedirebbe l’estradizione dagli UK agli USA per motivazioni politiche.

Ma veniamo finalmente alla ragione per la quale Julian Assange è stato incarcerato in una prigione di massima sicurezza, come abbiamo detto, non in uno stato dove si è abituati a simili abusi del diritto, ma bensì nel Regno Unito: a causa della pubblicazione di documenti militari che attestano corruzione e crimini di guerra!

In particolare, il sito da lui fondato nel 2006, Wikileaks, tra le tante notizie che non è mai stato possibile smentire, ha svelato le torture sistematiche dei prigionieri di Guantanamo; ha documentato come le guerre in Afghanistan, Iraq, etc., siano state create per motivi di interesse economico e come in questi territori il numero di attacchi terroristici, dopo l’intervento USA e dei suoi alleati, sia aumentato esponenzialmente. Non solo: tra le tante cose che Wikileaks ha svelato ci sono abusi di ogni sorta perpetrati in numerosi paesi e centinaia di migliaia di vittime civili in Afghanistan e Iraq per mano dell’esercito americano.

Tra questi documenti, nel 2010, fece particolarmente scalpore la pubblicazione dell’agghiacciante video “Collateral Murder” , in cui soldati americani sparano da un elicottero su obiettivi civili e inermi, uccidendo una dozzina di persone, tra le quali alcuni uomini che tentano di prestare soccorso a un ferito e due giornalisti della Reuters. In questa drammatica storia anche due bambini vengono gravemente feriti (il cui padre perde la vita insieme ad altri, nel tentativo di prestare soccorso a uno dei due giornalisti). Il tutto mentre i cecchini sghignazzano divertiti come si farebbe in un videogame e chiamando le ignote vittime, “bastardi”.

Per questo, dopo la lunga ed indegna persecuzione politico-giudiziaria verso Julian Assange in 10 anni di sistematica violazione dei suoi diritti umani fondamentali, ignorando allo stesso tempo la volontà e il diritto di noi cittadini di prendere coscienza di informazioni cruciali di pubblico interesse, ci rifiutiamo ora di assistere ad un ulteriore prolungamento della tortura psicologica e fisica ai danni del giornalista, come riportato dal relatore speciale delle Nazioni Unite contro la tortura, Nils Melzer, sapendo inoltre che Assange si trova già in una condizione di salute estremamente preoccupante, come denunciato da centinaia di medici.

Rifiutiamo anche di incoraggiare la deriva autoritaria dei paesi che stanno permettendo questo drammatico sviluppo, in particolare il Regno Unito, avendo privato per anni un giornalista del diritto alla libertà per aver esercitato la sua professione, violando oltretutto il suo diritto ad un processo equo, il diritto di prendersi cura della propria salute e segnando al tempo stesso un precedente molto pericoloso contro la libertà di stampa e di espressione. C’è altresì da sottolineare come i numerosi appelli delle Nazioni Unite, del Consiglio d’Europa, di tutte le principali organizzazioni per i diritti umani, di medici, di giornalisti internazionali e innumerevoli petizioni firmate da rappresentanti della società civile, che hanno chiesto a gran voce alle autorità britanniche il suo rilascio immediato, finora non hanno sortito gli effetti sperati.

Questo è il motivo per cui riteniamo essenziale per il presente e soprattutto per il futuro della democrazia nel Regno Unito, così come nel resto del mondo, che tutti i cittadini di tutte le latitudini e particolarmente quelli britannici, prendano una posizione chiara a favore dei diritti umani del prigioniero politico Julian Assange, affinché si faccia tutto il possibile per esercitare pressioni sulle istituzioni britanniche e/o degli altri paesi coinvolti direttamente nel caso, in particolare gli USA e l’Australia.

Esistono molti modi per pretendere che sia fatta finalmente giustizia nel caso Assange, per proteggere i diritti umani più elementari e con essi il diritto di espressione. Uno di questi potrebbe essere, ad esempio, quello di scrivere una lettera o un’email al Ministero degli Interni. Tutti coloro che si prenderanno il tempo di scrivere una lettera attesteranno al governo del Regno Unito che ce ne sono dozzine in più che la pensano allo stesso modo, quindi anche un paio di centinaia di lettere potranno fare la differenza.

Abbiamo cercato di mettere insieme alcune idee, sostenendo una campagna di mailbombing per la Ministra dell’Interno del Regno Unito, Priti Patel, affinché dimostri la sua volontà di far rispettare la democrazia e la sovranità britanniche, proteggendo i diritti di Julian Assange aldilà dell’interesse americano. Sentiti libera/o di aggiungere questi punti alla tua lettera e/o email ed esprimi il motivo per cui pensi che Julian Assange abbia il diritto di essere curato adeguatamente e il diritto alla libertà. Ecco l’indirizzo email del Ministro degli Interni, nel Regno Unito: public.enquiries@homeoffice.gov.uk (qui anche l’indirizzo postale e altri contatti utili).

Ecco alcune informazioni cruciali che possono aiutarti a scrivere la tua e-mail:

Nils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altre pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti, ha dichiarato: “In 20 anni di lavoro con vittime di guerra, violenza e persecuzioni politiche non ho mai visto un gruppo di Stati democratici riunirsi per isolare deliberatamente, demonizzare e abusare di un singolo individuo per così tanto tempo e con così poco rispetto per la dignità umana e lo stato di diritto. La persecuzione collettiva di Julian Assange deve finire qui e ora!”

Oltre 100 medici hanno scritto una lettera aperta al Ministro degli Interni del Regno Unito affermando: “Da un punto di vista medico, sulle prove attualmente disponibili, nutriamo serie preoccupazioni riguardo all’idoneità del signor Assange di essere processato […]. Soprattutto, è nostra l’opinione che Assange richieda una valutazione medica urgente del suo stato di salute sia fisico che psicologico da parte di esperti. Qualsiasi trattamento medico indicato dovrebbe essere somministrato in un ospedale adeguatamente attrezzato e dotato di personale esperto. Abbiamo fondate e certificate preoccupazioni che il signor Assange potrebbe morire in prigione. La situazione è quindi urgente. Non c’è tempo da perdere”.

Quasi 1000 giornalisti hanno scritto una dichiarazione aperta in difesa di Julian Assange dicendo: “L’azione legale in corso contro Assange costituisce un precedente estremamente pericoloso per i giornalisti, le organizzazioni mediatiche e per la libertà di stampa. […]Noi, giornalisti e organizzazioni giornalistiche di tutto il mondo, esprimiamo la nostra grave preoccupazione per il benessere del signor Assange, per la sua detenzione continua e per le accuse di spionaggio draconiane. […]Come giornalisti e organizzazioni di giornalisti che credono nei diritti umani, nella libertà di informazione e nel diritto di conoscenza del pubblico, chiediamo il rilascio immediato di Julian Assange”.

Amnesty International e Human Rights Watch si oppongono alla detenzione e all’estradizione di Julian Assange evidenziando gravi violazioni dei diritti umani dovute al suo lavoro con Wikileaks: violazione del suo diritto alla libertà di espressione; violazione del suo diritto alla libertà, derivante da qualsiasi detenzione preventiva e/o pena detentiva imposta sulla base di un procedimento giudiziario che viola la sua libertà di espressione; violazione del suo diritto alla vita, dato che la pena di morte potrebbe essere un’opzione negli Stati Uniti; violazione del suo diritto ad un trattamento umano e al rispetto per la sua dignità e violazione del suo diritto a non essere sottoposto a trattamenti o pene crudeli, disumani o degradanti”.

Ma i gruppi di attivisti e le associazioni che si sono mobilitati sono numerosi in tutto il mondo, ti invitiamo dunque a visitare le loro pagine social e/o i loro siti per unirti a loro nelle prossime azioni che possono andare dalla manifestazione di piazza, al sit-in, al mailbombing e tanto altro ancora e valutare quale sia la modalità a te più congeniale per far sentire la tua voce.

Se poi vorrai unirti alla nostra pagina “we too”, ti invitiamo a chiedere che l’editore e giornalista Julian Assange venga rilasciato immediatamente come segnale della volontà di cominciare un cammino di pace ed avviamento di negoziati diplomatici per porre fine alle guerre imperialiste nel mondo una volta per tutte. Potrai farlo mandandoci una o più foto con la scritta “WE TOO ARE PROTESTERS: NO TO YOUR IMPERIALIST WARS, FREE JULIAN ASSANGE!” e inviarla a: wetooareprotesting@gmail.com o al gruppo Facebook “Free Julian Assange”.

Ti invitiamo inoltre a mobilitarti in tutte le altre forme utili, quali video, conferenze organizzate, lettere e/o email ai parlamentari locali, parlandone nelle scuole locali, petizioni, etc. nel tentativo di fare pressione sulle istituzioni affinché Julian Assange sia rilasciato immediatamente. Ecco la pagina di “Defend Wikileaks” con alcuni link utili.

Contiamo sul fatto che anche voi, madri e padri, insegnanti e studenti, cittadini di tutto il mondo, siate disposti ad agire per difendere il vostro diritto di conoscere i fatti importanti del mondo e vi facciate promotori dei diritti umani e dello stato di diritto, entrambi così gravemente minacciati nel caso Julian Assange da mettere seriamente a repentaglio l’intero sistema democratico.

WE TOO ARE PROTESTERS: NO TO YOUR IMPERIALIST WARS, FREE JULIAN ASSANGE!

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito